Comitato Carnevale Bacanal del Gnoco

A.D. 1531

Carnevale di Verona, elezione in conclave per il nuovo Papà del Gnoco: è Paolo Fabrello

ARTICOLO ESTRATTO DA RAI.IT – VEDI LA FONTE ORIGINALE

Eletto in conclave Paolo Fabrello, nuovo Papà del Gnoco. Dopo due fumate nere, la fumata bianca è spiccata in piazza San Zeno verso le 11.30 della domenica mattina. 

Il conclave degli ex papà del Gnoco per l’elezione del Carnevale 2024

Gli ex Papà del Gnoco che si sono ritirati in conclave su un truck appositamente piazzato di fronte alla basilica, hanno decretato che il 494esimo Sire del Carnevale scaligero è Paolo Fabrello. 

Paolo Fabrello era già stato Papà del Gnoco nel 2016; noto per l’impegno nel sociale, esperto di pet therapy con i cavalli

Già Papà del Gnoco nel 2016, Fabrello è vicentino di nascita, ma dal 1963 vive a Verona. E da tempo gestisce corte Molon con la moglie e due gemelle, una delle quali è disabile. Il suo impegno nel sociale è noto sia nella pet therapy con i cavalli, che dentro le porte del carcere. 

Nel 2016 era riuscito a portare il Carnevale tra i carcerati di Montorio

Nella precedente candidatura, per la prima volta assoluta, era riuscito a fare sfilare le maschere storiche del Carnevale scaligero tra i corridoi della struttura penitenziaria di Montorio. «Ringrazio chi mi ha votato garantendomi 14 preferenze su 14», ha detto alla piazza gremita, confessando scherzoso di aver promesso la nave di crociera a Ponte Pietra per convincerli. 

“Sarà sempre carnevale a Verona e il nuovo sire porterà gioia e solidarietà”

«Sarà sempre Carnevale a Verona e il nuovo sire porterà festa, gioia ma anche solidarietà verso chi ne ha bisogno», ha dichiarato l’assessora alla cultura, Marta Ugolini, di fronte ai numerosi presenti. L’incoronazione ufficiale di Fabrello avverrà martedì alle 19 in Gran Guardia, dove sarà anche proclamato il Dio dell’Oro del ducato di Santo Stefano.

Condividi questo post

Notizie

La festa… in piazza San Zeno!

Il presidente del comitato Valerio Corradi: «Decisione amara, abbiamo fatto il percorso con il papà del Gnoco. I carri non si sono mossi con il maltempo